Feed RSS

Archivi tag: zuppe

Minestra di riso con porri e patate

Inserito il

Spudoratamente copiata da GialloZafferano, ovviamente con qualche micro modifica.

Sotto la ciotola c’è una tovaglietta bellissima ricevuta in regalo a Natale e di fianco potete notare un panino allo zafferano!

Per 2 persone:
1 tazzina (da caffè) e mezza di riso parboiled
1 dado vegetale bio
Burro o olio evo
200g di patate
230g di porri
prezzemolo, noce moscata, sale
cipolla tritata

In un pentolino mettete a bollire l’acqua per preparare il brodo, intanto tagliate i porri a rondelle e le patate a fettine molto sottili.
Fate scaldare in una pentola l’olio (o il burro) e fatevi rosolare la cipolla (o lo scalogno) con il prezzemolo. Aggiungete le verdure tagliate e salate, facendole insaporire rigirandole – aggiungete anche una spolverata di noce moscata. Quindi versate il brodo caldissimo nella pentola con le verdure e riportate a ebollizione. Buttate il riso e dopo 18/20 minuti la minestra sarà pronta!

N.B.: Una variante più dietetica è quella di sostituire all’olio per il soffritto, il vino bianco: verrà benissimo lo stesso!

Crema di carote e ribes

Inserito il

E’ una zuppa sia primaverile che invernale, molto colorata e dal sapore particolare. Testata ad una cena con un’amica!

(N.B.: La foto NON rende!)

Per 4 persone:

400g  di carote
250g di patate
100g di ribes
Olio o ghee
Cipolla tritata
1 cucchiaio scarso di curcuma e curry
dado vegetale bio
yogurt magro o panna vegan

Sbucciate le patate e le carote e tagliatele a cubetti.  Scaldate in una pentola un po’ di olio o ghee e fate rosolare la cipolla tritata con la curcuma e il curry. Aggiungete le carote e le patate, fatele insaporire mescolando e coprite con dell’acqua. Quando comincia a bollire, buttate il dado vegetale, girate un po’ e aspettate che le verdure si ammorbidiscano.  A questo punto versate tutto nel contenitore di un frullatore o minipimer e frullate.
Riversate la zuppa in pentola, fate scaldare a fiamma bassa aggiungendo questa volta i ribes freschi, naturalmente senza rametti! Potete tenerne da parte alcuni grappolini per decorare poi i piatti. Aggiungete a piacere yogurt magro (che esalta il sapore acido del ribes) o panna (io ho usato quella vegan per non esagerare) e servite.
Oltre ai rametti di ribes, per decorare, potete aggiungere qualche fogliolina di prezzemolo o erba cipollina.
Buon appe!

Zuppina fresca con menta e piselli

Inserito il

Essendo estate ho riciclato piatti estivi come il gazpacho e visto che le zuppe sono sempre veloci da fare e nutrienti, ne sto sperimentando di nuove. Questa è una di quelle:

Per 2 persone:
Foglie di menta
200g di pisellini (ok anche se surgelati)
Un cucchiaino di cipolla tritata
100ml di yogurt magro
mezzo spicchio d’aglio
un cucchiaio di pinoli
succo di limone (un cucchiaio raso)
dado per brodo vegetale
Olio, sale, pepe, zucchero

In un pentolino fate bollire l’acqua per il brodo vegetale e tenetelo da parte, anche a fuoco spento. A parte, in una padella scaldate un cucchiaio d’olio d’oliva e fate soffriggere lo spicchio d’aglio non tritato. Quando ne sentite il profumo, aggiungete la cipolla e quindi i piselli, salate, pepate, zuccherate, lasciateli ammorbidire qualche minuto rimestando ogni tanto.
Intanto preparate il contenitore del frullatore con lo yogurt, le foglie di menta, il succo di limone, i pinoli  e quindi aggiungete prima i piselli (togliete l’aglio!) e poi tanto brodo quanto volete che sia liquida la zuppina.

Frullate e… voilà! Decorate con qualche fogliolina di menta e servite in eleganti coppette.

Crema (o zuppa) di zucca e capesante

Inserito il

Questa è una zuppa che ho fatto a Natale per mio papà che so essere un grande amante delle capesante. Visto che ero stufa di mangiarle gratinate e che essendo in realtà Santo Stefano, non volevamo fare un altro pasto-devasto, ho optato per questa raffinata cremina. Grande successo! E’ stata molto pubblicizzata ma ci tengo a specificare che la ricetta non è mia: l’avevo letta sul Corriere e come al solito, l’ho leggermente modificata.


Per due persone:
250 g di polpa di zucca
6 capesante
cipolla tritata
olio
dado vegetale bio
timo
sale, pepe

Tagliate la zucca a dadini e preparate il brodo vegetale in un pentolino. Nella pentola che conterrà la zuppa, fate rosolare nell’olio la cipolla e quindi aggiungete la zucca. Coprite con un po’ di brodo (la quantità da versare varia a seconda della consistenza che preferite: come si intuisce dalla foto, a me piace molto cremosa e quindi ne ho aggiunto poco) e frullate col fidato minipimer.
Fatto ciò, prendete una padella antiaderente, fatela scaldare (se volete con un cicinin d’olio) e scottate le capesante da entrambi i lati con due rametti di timo.
Riversate la crema di zucca in pentola, pepate e se necessario, salate, aggiungete le capesante e servite al papà da cui io mi sono sentita dire “MA ALLORA SAI CUCINARE PER DAVVERO!“: scoperte… 🙂

Zuppa cremosa di carote

Inserito il

Con le carote si possono fare un casino di ricette, bisogna solo avere pazienza. Io l’altro giorno non ne avevo, per cui ho preparato questa zuppa veloce veloce!

6 carote
2 patate non grandi
brodo vegetale (ormai sapete quale preferisco)
yogurt magro
prezzemolo tritato
sale, pepe
cipolla tritata
1 spicchio d’aglio
olio d’oliva

Tagliate a dadini le carote e le patate.
In un pentolino fate scaldare l’acqua e aggiungete il dado per il brodo vegetale.
In una pentola invece mettete a scaldare l’olio, fate soffriggere la cipolla tritata e dopo poco, lo spicchio d’aglio schiacciato.
Unite le carote e le patate tagliate a cubetti, fate rosolare qualche minuto salando e pepando, quindi aggiungete il brodo: dalla quantità di brodo aggiunto dipende il grado di “cremosità” della zuppa, per cui non esagerate, né troppo, né troppo poco! Il brodo serve anche ad ammorbidire patate e carote, gran parte evaporerà.
Una volta aggiunto il brodo, coprite la zuppa e girate ogni tanto. Dopo circa 10/15 minuti travasate il tutto nel recipiente del minipimer e frullatelo.
Ri-riversate la zuppa nella pentola, tenete la fiamma bassa e concludete aggiungendo il prezzemolo tritato e qualche cucchiaio di yogurt (o panna da cucina, per esagerare).

Zuppa/crema di funghi

Inserito il

Ho trovato in freezer dei gambi di funghi porcini che avevo preso tempo fa (ricordate il risotto?), e visto che non avevo tempo a sufficienza per mettermi a fare un risotto, ho provato a fare questa zuppa che secondo me si può migliorare. Anche così, devo dire che è piaciuta.

P1000719

Funghi tritati
Brodo vegetale (sì, quello bio è meno cancerogeno)
500ml circa di latte di soya (non so come venga con quello di riso, probabilmente solo meno densa: fatemi sapere)
Olio d’oliva
Cipolle tritate
50g di farina
sale, pepe, noce moscata

Preparate il brodo in un pentolino piccolo (ne servirà poco)In una pentola scaldate l’olio e fate soffriggere la cipolla tritata finemente, quindi aggiungete i funghi, il sale, il pepe, la noce moscata e lasciate scaldare per qualche minuto.
Continuando a rimestare, versate sui funghi la farina e, lentamente, il latte. In questa besciamella, per evitare che resti troppo densa, versate qualche mestolo di brodo finché non diventa della consistenza desiderata.
Se non vi piace che nella zuppa ci siano dei tocchi di fungo, passate al minipimer la zuppa, altrimenti servitevela e buon appetito!

Gazpacho con fragole

Inserito il

FINALMENTE!

Tempo fa avevo trovato la ricetta sul sito di un ristorante spagnolo, poi scomparso. Questo è il terzo tentativo di gazpacho con fragole e finalmente è venuto come speravo!
Il dramma è stato capire se il peperone ci va o no: la risposta è NO, con le fragole fa schifo! La preparazione è poco diversa dal gazpacho originale, però la riscrivo lo stesso.

DSCN1965
fragole
pomodori (uno ogni 100g di fragole)
cipolla tritata
un cetriolo se piccolo, mezzo se grande
pan carré
aceto di vino
aceto balsamico
olio d’oliva
sale, pepe

Dopo aver lavato fragole e pomodori e sbucciato il cetriolo, tagliarli a cubetti (per quanto possibile) e metterli in un recipiente ermetico con un po’ di pane spezzettato, la cipolla, aceto balsamico e aceto di vino. Bagna con un po’ d’acqua il tutto (POCA acqua, deve soltanto inumidire il pane), chiudi e riponi in frigo per qualche ora.
Trascorso questo tempo, versa nell’onnipresente coso del minipimer il tutto, aggiungendo olio, sale fino e un pizzico di zucchero. Frullate.
Volendo, potete decorare con qualche fogliolina di menta amabilmente coltivata sul balcone 🙂

Fatemi sapere! Non vorrei che per me sia buonissimo perché sono stufa di fare tentativi…