Feed RSS

Archivi tag: zucchine

Filetti di Orata gratinati e profumati

Inserito il

Io ho l’insolita capacità di cucinare carne e pesce riuscendo a non toccarli mai con le mani: faccio un risotto salsiccia e bonarda che mi dicono essere una bomba e non so che sapore abbia!
Nonostante il progetto futuro di togliere dalla mia dieta anche il pesce, per ora questo c’è. La ricetta originale di quella che segue la trovate qui!

oratazuc

3 filetti d’orata
2 zucchine
Un’abbondante manciata di mandorle tritate
Pangrattato
Succo di limone
Scorza di limone
Timo
Basilico
Olio evo, sale, pepe in grani

Togliete la pelle ai filetti d’orata scottandola su una padella calda, quindi adagiate i filetti su carta da forno.
Tagliate le zucchine a rondelle sottilissime (se usate una mandolina, attenti alle dita… ne so qualcosa!)
In una terrina preparate il gratin mischiando pangrattato, le mandorle tritate, il sale, la scorza di limone, il timo e bagnate con succo di limone e (poco) olio quanto basta. Aggiungete il basilico.
Ungete i filetti d’orata con l’olio, salate e mettete 3/4 grani di pepe su ciascun filetto, quindi coprite con il composto di pangrattato e formate uno strato di zucchine  su ciascun filetto. Salate, condite con un filo d’olio e infornate a 180° per 10/13 minuti.
Molto primaverile!

Polpette di patate e zucchine

Inserito il

Cosa si fa con il ripieno avanzato delle zucchine tonde?

Si aggiunge un po’ di pangrattato, si fanno le pallette e si friggono!

I veri amanti delle polpette possono rotolare le palline nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato, quindi friggerle.

La ricetta per l’impasto, per chi non l’avesse capito, è la stessa del ripieno delle zucchine rotonde.

Zucchine rotonde ripiene

Inserito il

In genere uso le zucchine rotonde come ciotoline per metterci il risotto ai fiori di zucca ma di recente ho trovato questa ricetta, tra l’altro vegan, che mi ha sedotta:

Zucchine rotonde (è un piatto sostanzioso, una a testa può bastare)
Patate piccole
Pangrattato
Latte (io l’ho usato di soia)
Sale
Cipolla tritata
Pepe o noce moscata
Erba cipollina, prezzemolo

Svuotate le zucchine lasciando la parete abbastanza spessa e tagliate l’interno della zucchina. A parte, mettete dell’acqua a bollire e salatela.
Sbucciate anche le patate e tagliatele a dadini. Scottate per 30 secondi le ciotoline-zucchine in acqua bollente e lasciatele scolare e raffreddare a testa in giù (con la parte cava verso il basso).
Scaldate poco olio in una padella e fate imbiondire la cipolla, quindi aggiungete le zucchine, le patate, le erbe, sale e pepe. Coprite con un po’ d’acqua salata (quella in cui scottate le ciotoline) e solo quando le verdure saranno più morbide, aggiungete mezzo bicchiere di latte.
Quando il composto vi sembra più cremoso, toglietelo dal fuoco, fatelo raffreddare un po’ e aggiungete una manciata di pangrattato, quanto basta a far assorbire parte del liquido avanzato.
Aiutandovi con un cucchiaio riempite le zucchine-ciotoline e infornatele a 180° per 40 minuti. Se volete mettere la calottina come coperchio come ho fatto io, infornatela a metà cottura, se no brucia.

Buon appetito!

Risotto colorato ai fiori di zucchina

Inserito il

Questo è IL RISOTTO.

Siccome ne vado molto orgogliosa, ci tengo a specificare che la ricetta è mia mia mia! Cioè: penso che chiunque sia in grado di inventarsi un risotto, specialmente se è allo zafferano con della verdura dentro… comunque sia è diventato uno dei miei risotti preferiti.

10 fiori di zucchina
3 zucchine piccole (di quelle allegate ai fiori)
una mozzarella
riso carnaroli (una tazzina da caffé a testa)
dado bio per brodo vegetale
una bustina di zafferano
pecorino grattugiato
olio d’oliva o una noce di burro
cipolla tritata
pepe

Pulite i fiori di zucca dai pistilli, sciacquateli e tagliateli a metà. Lavate anche le zucchine e tagliatele a striscioline. La mozzarella a dadini.
Intanto mettete l’acqua in un pentolino medio-piccolo in cui terremo pronto il brodo.
In una pentola più grande, in cui prepareremo il risotto, fate scaldare l’olio o il burro e rosolate la cipolla tritata, quindi versate il riso e i fiori di zucca. Quando il riso si sarà tostato, potete procedere con la prima mestolata di brodo e mettere il timer a 18 minuti a partire da questo momento.  Quando il brodo è stato assorbito, versate le zucchine a striscioline. Procedete con il brodo continuando a mescolare e quando mancano 5/7 minuti alla fine versate nel risotto quasi pronto la mozzarella a dadini e la bustina di zafferano. Mescolate velocemente per quanto possibile.
Al trillo del timer, spegnete il fuoco, mantecate con il pecorino e spolverizzate con pepe nero.

E’ buonissimo!

Pasta avocado, zafferano e zucchine

Inserito il

Pasta (io ho usato spaghetti)
Un avocado maturo
Una zucchina grande (o tante piccole con fiori)
Peperoncino (quelli Cannamela vanno bene)
Una bustina di zafferano
Olio, sale, poco succo di limone

Mentre preparate la pasta…
Fate bollire un po’ d’acqua (un bicchiere) e scioglietevi lo zafferano – in alternativa potete prendere qualche mestolata dell’acqua di cottura della pasta e fare la stessa cosa in una ciotolina.
Sbucciate l’avocado, privatelo del nocciolo, tagliatelo grossolanamente e buttatelo nel mixer con qualche goccia di limone, il peperoncino, e l’acqua zafferanata. Frullate.
Dopo aver lavato le zucchine, tagliatele a striscioline o à la julienne e fatele ammorbidire in olio caldo in padella, salandole.
Nella terrina in cui servirete la pasta, versate il mix di avocado, le zucchine e un mestolo d’acqua di cottura della pasta, mescolate velocemente.
Aggiungete la pasta scolata e servite!

Sushi di zucchine ripiene

Inserito il

Questa invece era una specialità di mia nonna materna (non è che sia un periodo nostalgico, è che ho appena ritrovato tutte le storiche ricette di famiglia e sono felicissima!).
Vi deluderò: del sushi non ha niente se non la forma: sembra un’alga avvolta attorno al riso, tipo gunkan.

Zucchine (molte, calcolando che dovrete buttarne un po’ di quelle che non riuscite a svuotare bene)
Olio per friggere
Cipolla tritata
Un uovo
Formaggio grattugiato
Pangrattato in poco latte
Burro + latte + farina (per bechamelle)
Olio d’oliva

La parte più difficile è proprio la prima: fare delle ciotoline di zucchine.
Tagliate a cilindretti alti le zucchine e scavatele lasciando il fondo, non sottile.
Tenete da parte l’interno tolto alle zucchine e fate friggere in una padella con due dita d’olio i cilindretti: non troppo, non devono diventare molli.
Mentre fate assorbire l’olio dalla carta assorbente, tritate l’interno delle zucchine e fatelo rosolare con della cipolla tritata. Passatelo con il minipimer aggiungendo un uovo, il formaggio grattugiato e il pangrattato sciolto in poco latte.
Versate questo composto nella bechamelle tolta dal fuoco e rimestate.
A questo punto riempite le ciotoline di zucchine e infornate finché la superficie del ripieno non diventa dorata.

Polpette di zucchine simpatiche

Inserito il

Per 14 polpette circa:

2 zucchine di media dimensione
4 uova
pangrattato
parmigiano grattugiato
olio d’oliva
olio per friggere
prezzemolo
1 spicchio d’aglio
yogurt magro

polpette zucchine

Come per la zuppa, tritate à la julienne le zucchine (cioé: troviamo subito un impiego a quelle avanzate dalla zuppa, prima che marciscano!) e, dopo aver oliato una padella e messo a soffriggere uno spicchio d’aglio, aggiungetele e fatele ammorbidire a fiamma alta rimestando.
In una terrina sbattete due uova, aggiungete il prezzemolo tritato, il formaggio e il pangrattato. Prima di aggiungere le zucchine fatele raffreddare un attimo.
Aggiunte le zucchine molli, impastate bene il tutto e preparate un piatto con ulteriore pangrattato e uno con le altre due uova sbattute.
Ora cominciate a versare abbondante olio da frittura in una padella dai bordi non bassissimi e fatelo scaldare. Nel mentre, create delle simpatiche palline di zucchina, fatele rotolare prima nell’uovo, poi nel pangrattato e quindi nell’olio.
Una volta belline, asciugatele con dello scottex, fate una montagnetta tipo pubblicità-Ferrero-Rocher-Ambrogio e servitele, magari con dello yogurt magro a parte.