Feed RSS

Archivi tag: piatti unici

Pizza!

Inserito il

Ecco la mia pizza!
Che dire “mia” è un po’ improprio… diciamo che questa è la ricetta rivisitata (come al solito!) di quella che ho imparato a un corso al Teatro7. In periodo di telefilm/NBA/NFL è molto gettonata qui a casa. Viene molto croccante ed è buonissima!

Le dosi sono per riempire una teglia da forno casalinga, quindi più o meno per 4/5 persone.

500g di farina (00 o Manitoba)
25g di lievito in panetto
300g di acqua calda
20g d’olio evo
Un cucchiaino di sale

Per condire, a piacere:
Passata di pomodoro
Olio evo, sale
Mozzarelle

In una terrina o su un piano versate la farina e spezzettatevi il lievito, quindi unite a poco a poco l’acqua e quindi il sale. Impastate bene e prima di formare una grossolana “palla”, aggiungete anche l’olio. Coprite con un panno e lasciate a lievitare per almeno 45 minuti.
Nel frattempo preparate il condimento condendo la passata con olio e sale e tagliando la mozzarella a cubetti.
Rivestite la teglia con della carta da forno e ungetela, quindi stendete la pasta con le mani e lasciatela lievitare così per altri 45 minuti.
Accendete il forno a 250°.
Trascorso il tempo di lievitazione, condite la pizza solo con la passata e cuocetela a 230° per circa 20 minuti. Quando mancano 3 minuti alla fine della cottura, aggiungete la mozzarella.
Buona serata! 😉

992740_10202207808942265_981920671_n
(Ok, la foto è bruttina, ma vi assicuro che la pizza è molto buona!)

Tarte Tatin salata alle pere

Inserito il

Ricetta che una mia zia (la stessa dei peperoncini ripieni!) ha fatto per una cena a tema “arte”: questa era una torta Depero! 

Image

4 pere
Un rotolo di pasta brisé
Formaggi vari (feta, pecorino…)
Rosmarino
Curcuma o zafferano facoltativi

Sbucciate le pere e tagliatele a spicchi non troppo sottili, quindi mettete le fettine in una padella con un po’ d’acqua, una presa di sale, il rosmarino e, se volete dare un po’ di colore alle pere, curcuma o zafferano.
Lasciate ammorbidire le pere senza che si disfino, quindi lasciatele raffreddare.
Nel frattempo ungete una tortiera (meglio quelle di alluminio o quelle a cerniera, la tatin poi va voltata!).
Disponete gli spicchi di pera a raggiera sul fondo della teglia, quindi spolverate coi formaggi grattugiati e coprite con la pasta brisé avendo cura di rimboccare i bordi e bucherellarla.
Infornate per 25 minuti a 180°. Una volta cotta aspettate qualche istante e poi capovolgete la tatin. Et voilà!

Sformato di mele e porri

Inserito il

Ecco una ricetta velocissima creata per fare spazio in frigo in vista dei pranzi pasquali!
Ha un sapore molto delicato ed è anche veganizzabile. Vediamo come!

Per 2 persone:
2 porri
1 mela golden
Olio evo, una noce di burro
Latte di soia q.b.
4 cucchiai di farina
Sale, pepe bianco
Pinoli o mandorle

Sbucciate la mela e privatela del torsolo e pulite i porri. Tagliate entrambi a rondelle sottili.
In una padella dai bordi alti, fate scaldare la noce di burro e l’olio, quindi versate i porri e le mele a fettine, salate e lasciate che si ammorbidiscano un po’. Spolverate con la farina e, proprio come se voleste fare una besciamella, aggiungete il latte a filo continuando a rimestare.
Io vi consiglio di provare con mezzo bicchiere al massimo per volta perché dovendo essere infornato, non vogliamo una cosa troppo liquida! Aggiungete anche il pepe bianco.
Una volta raggiunta la consistenza desiderata, versate il composto besciamelloso in una pirofila da forno e coprite con i pinoli o con le mandorle (quelle affettate sottili) e infornate a 180° per 10 minuti.

porrimele

Per veganizzare la ricetta è sufficiente non usare il burro ma solo l’olio d’oliva! 🙂
Prima o poi metterò delle foto migliori, prometto!

Pesce finto

Inserito il

Altro cavallo di battaglia fra le ricette famigliari: estivo e semplicissimo da preparare.

2 o 3 scatolette di tonno
3 o 4 patate
Acqua, sale
Maionese
Capperi
Un rametto di timo o erba cipollina

Mettete una pentola con dell’acqua a bollire con dentro le patate.
Nel mentre, scolate il tonno ma tenete l’olio da parte in una ciotolina. Mettete il tonno scolato in una terrina e schiacciatelo un po’ con una spatola di legno.

Quando l’acqua bolle da un po’ e la buccia delle patate si spacca, tiratele fuori una per volta dall’acqua bollente e spellatele con coltello e forchetta, quindi spiaccicate la patata nella terrina col tonno: siccome dovrete mescolate ma risulterà un composto un po’ duro, diluite con poco olio del tonno e maionese.
Così via patata per patata.

Con le mani prendete il composto e fatelo a forma di pesce: o ne fate uno grande da dividere poi in porzioni oppure potete mettere direttamente nei piatti dei commensali un pesciolino ciascuno. Il cappero farà da occhio, il filo d’erba da branchia, per il resto affidatevi alla vostra fantasia! Sta bene servito su un letto di songino.

Torta peperonata

Inserito il

1 rotolo di pasta sfoglia o brisé
2 peperoni grossi, gialli e/o rossi
polpa di pomodoro
cipolla tritata
sale, pepe, zucchero
mozzarella

Lavate i peperoni e puliteli dai semini e dalle pellicine bianche, quindi tagliateli a striscie.
In una padella versate un cucchiaio e mezzo d’olio e fate rosolare la cipolla. Aggiungete i peperoni e dopo qualche minuto, la polpa di pomodoro (un barattolo grande, naturalmente Mutti!). Salate, pepate e non dimenticatevi un pizzico di zucchero. La peperonata deve ridursi un po’, per cui lasciate cuocere a fuoco medio-basso per un bel po’, fino a densità desiderata.
Nel frattempo tagliate la mozzarella a dadini, sbattete le uova e foderate una teglia con la pasta brisé o sfoglia (bucherellate con una forchetta il fondo).
In una terrina unite le uova sbattute, la mozzarella e la peperonata mescolando velocemente, quindi versate il tutto sulla pasta, livellando se necessario.
In forno a 180°C per una ventina di minuti.
N.B.: Se avete usato pasta sfoglia, spennellate i lati non coperti dal ripieno con latte o uovo sbattuto.


Sì, lo so, la foto fa schifo.

Prova di: Melanzane ripiene

Inserito il

“Prova di” perché ho cercato di seguire un po’ a memoria e un po’ di reinventarmi la ricetta per farle. Il risultato non è simile all’originale ma ci è piaciuto molto lo stesso!

P1000497*

Melanzane grosse
Polpa di pomodoro (un barattolo piccolo, o in alternativa dei pomodorini soffritti)
Tonno facoltativo
Panne secco
capperi
parmigiano grattugiato
un uovo

Tagliate per il lungo le melanzane e cercate un utensile con cui scavarle per ottenere delle barchette. Mettete la polpa scavata e tagliata in piccoli tocchetti in una terrina.
Passate il pane secco sotto il getto d’acqua calda del rubinetto e man mano che si ammorbidisce, strofinando con le mani fate cadere nella terrina i pezzi di pane bagnato (senza strizzare: un po’ d’acqua serve al ripieno). Nella terrina aggiungete il formaggio grattugiato, l’uovo sbattuto, la polpa di pomodoro, il sale e i capperi.
Tutto deve risultare un po’ molliccio, se non lo è, aggiungete dell’acqua.
A questo punto potete riempire le melanzane, già poggiate su una teglia da forno. Irrorate con olio d’oliva e spolverizzate con parmigiano.
Quindi mettete in forno per 30 minuti circa a 180°.
Pesanti as usual ma buonissime!

*nella foto c’è una saliera in mezzo ai piatti: state attenti al sale!