Feed RSS

Archivi tag: funghi

Zuppa/crema di funghi

Inserito il

Ho trovato in freezer dei gambi di funghi porcini che avevo preso tempo fa (ricordate il risotto?), e visto che non avevo tempo a sufficienza per mettermi a fare un risotto, ho provato a fare questa zuppa che secondo me si può migliorare. Anche così, devo dire che è piaciuta.

P1000719

Funghi tritati
Brodo vegetale (sì, quello bio è meno cancerogeno)
500ml circa di latte di soya (non so come venga con quello di riso, probabilmente solo meno densa: fatemi sapere)
Olio d’oliva
Cipolle tritate
50g di farina
sale, pepe, noce moscata

Preparate il brodo in un pentolino piccolo (ne servirà poco)In una pentola scaldate l’olio e fate soffriggere la cipolla tritata finemente, quindi aggiungete i funghi, il sale, il pepe, la noce moscata e lasciate scaldare per qualche minuto.
Continuando a rimestare, versate sui funghi la farina e, lentamente, il latte. In questa besciamella, per evitare che resti troppo densa, versate qualche mestolo di brodo finché non diventa della consistenza desiderata.
Se non vi piace che nella zuppa ci siano dei tocchi di fungo, passate al minipimer la zuppa, altrimenti servitevela e buon appetito!

Risotto ai porcini

Inserito il

Mattinata al mercato con coinquilino (sì, questa è una delle novità del 2009,5)! Dove acquistiamo un kilo di porcini dalla bella faccia.

A casa, il dramma è stato scoprire come pulire un dannato fungo enorme. Cosa che magari per molti di voi è scontata, be’, PER ME NON LO ERA. Non capita spesso di dovermi relazionare a porcini veri e non secchi.
Comunque per voi ignoranti come me poco fa, sappiate che:
– la spugnola non va tolta;
– un po’ di pellicina sulla testa sì;
– va raschiato il gambo;
– non vanno passati direttamente sotto l’acqua ma è meglio usare una salvietta/scottex umida e strofinare delicatamente.

Visto che i gambi alla griglia secondo me sono un po’ sprecati, ho deciso di impiegarli per un risotto. Semplice, che conosciamo tutti. Eccolo qui:

P1000492

Riso carnaroli (una tazzina da caffé a testa)
Brodo (io uso il dado vegetale)
Burro
Prezzemolo
Porcini (secchi o no)
Prezzemolo
Parmigiano grattugiato
Vino bianco

Preparate una pentola col brodo e lasciatela lì a fiamma bassissima. Su un altro fornello mettete la pentola in cui farete il risotto (quindi larga) e ci sciogliete una generosa porzione di burro. Aggiungete i gambi dei funghi (nel mio caso) tagliati, lasciateli dorare e buttate il riso facendolo tostare qualche secondo, poi versate poco vino e lasciate evaporare l’alcol. A questo punto, per 18 minuti – munitevi di timer -, aggiungerete mestolo per mestolo un po’ del brodo, continuando a girare il riso. Non fatelo troppo liquido!
A cottura ultimata, spegnete il fuoco e continuando a girare il riso versateci l parmigiano e il prezzemolo (quante mani si devono avere? Due ma abili). Servite e fatevi fare i complimenti, anche se il grosso del lavoro lo fanno i porcini…

Per la cronaca: le teste dei funghi le ho poi grigliate. Dritta veloce per farlo:

in un bicchiere o terrina piccola fate un preparato di olio d’oliva, aglio tritato e prezzemolo: spennellate le teste sopra e sotto e metteteli sulla griglia così.
Molti usano anche il peperoncino, secondo me è troppo. Buonap!