Feed RSS

Archivi del mese: maggio 2009

Panna e fragole?

Inserito il

Perché limitarsi a litri di panna montata su fragole zuccherate…

QUANDO IL TUTTO PUO’ DIVENTARE MOLTO, MOLTO PIU’ PESANTE, (BUONO) E CALORICO?

Ovviamente ci ho pensato io.

La ricetta del pesto alle melanzane ve la posto tra pochissimi giorni (pietà, sarei sotto esami), intanto sparatevi questa durante il ponte:

(x 2/3 persone)

Un cestino con tante… fragole! (ma va?)
2 albumi
zucchero
panna (anche già montata, se proprio non siete in grado – ma dai!)

Tagliate le fragole a “dadini” per quanto ci si riesca e, una volta messe in un recipiente (io le metto direttamente o nelle coppette o in una terrina ermetica di plastica) spiaccicatele con una forchetta. Sì, devono diventare una pappetta rossa.
Zuccheratele (quanto zucchero? E dai, un po’ a occhio).
Montate gli albumi a neve (però bene, non come me che quando voglio usare il minipimer due secondi mi viene una roba liquida inutile) e montate la panna (o agitate lo spray, voi scansafatiche).
Versate gli albumi montati a neve sulle fragole spiaccicate e girate piano, finché tutto non diventa di un rosa-fiocconascita. Dopo aver mescolato bene, aggiungete la panna e tenete in frigo per qualche ora.
Decorate con le fragole piccole rimaste.

Non posto foto perché oggi era una di quelle volte in cui non avevo voglia di montare gli albumi a neve (però sono buone lo stesso)…

Buon appetito con sensi di colpa!

“Le ragazze che seguivamo” (C. Bukowski)

Inserito il

Finito di leggere!

Ora sono passata alla Pitzorno con “Le bambine dell’Avana non hanno paura di niente”. In tema coi film del Che che stanno proiettando ora nelle sale. Pesante eh. Ma interessante.

Cercate aggiornamenti su Anobii.

…”grattinoterapia”

Inserito il

…cioè.

Se il massaggio alla testa è questo, dò ragione a chi discrimina il mio lavoro. Cioè, sembra impegnato mentre fa i grattini!

Però 😦

Si trovano un sacco di questi video su youtube, secondo me esiste chi si stampa diplomi farlocchi avendo “studiato tecniche” così.

Imbarazzante.

Moltomolto. Sob.

The Millionaire (Danny Boyle, 2008)

Inserito il

Su consiglio di un milione di persone circa, ieri sera ho noleggiato The Millionaire (sì, il film con Tally Ho)

GUARDATELO!

Merita davvero. Mi ha fatto venire voglia di tornare in India (come ogni cosa indiana che vedo: voglio tornarci, si è capito?) e mi ha fatto riflettere su un sacco di cose che ho visto lì. Lo sfruttamento minorile, la violenza, l’assenza di giustizia.

Il film narra la vita di Jamal, un ragazzo che partecipa al noto quiz “Chi vuol esser milionario” e… vince. Solo che le autorità non credono all’intelligenza o alla fortuna del ragazzo e torturandolo cercano di capire come faccia. A ogni domanda corrisponde un pezzo della vita drammatica di Jamal.

Come riassunto fa pena davvero.

Per cui guardatelo e basta.

 

India.India.India.

Menu di oggi

Inserito il

La scelta del “cosa cucinare a pranzo” si basa su “cosa sta andando a male in frigo”.
Non avendo mai tempo per fare una spesa seria, appena ho una giornata libera mi fiondo in un iper e compro di tutto ripromettendomi di provare e inventare un milione di ricette. Solo che pranzo da sola, quindi magari 1786739 portate non me le cucino.

Questo porta a realizzare piatti veloci con cose che di solito si hanno in casa, tipo…

pestomelanz

…NON SO PERCHE’ SEMBRI BLU (non ho le skills per fare le foto col cellulare), comunque vorrebbe somigliare a PASTA DI KAMUT CON PESTO ALLE MELANZANE.

Seguirebbe la pubblicazione della ricetta ma, sorpresa!, ho deciso che a meno che non ci siano decine di lettori che me la chiedono (ahah, che sarcasmo), non la scriverò, questa ed altre. Quindi, pochi e intimi amici, mandatemi mail se volete conoscere i segreti della cucina blemesca.

Per proteste, pregasi commentare

Farete tutti la stessa fine…

Inserito il

Respinta al mitt

…godo.

Hello world!

Inserito il

Welcome to WordPress.com. This is your first post. Edit or delete it and start blogging!

(sì, è il testo di default, però lo lascio lo stesso)

Benvenuto al mondo, nuovo blog!
 
Questo è il secondo blog che creo. Perché la necessità di averne un secondo?
Sicuramente per svago, ma anche per sfogo.
Nell’ultimo anno ho subìto dei cambiamenti forti e tutto, dentro e intorno a me, si è trasformato in qualcosa di nuovo. Con cui devo ancora imparare a convivere, non so quanto mi ci vorrà.
L’espressione “artistica”… ok, pensando per cosa userò questo spazio, proprio “artistico” è l’aggettivo meno adatto ma, volevo dire… ho bisogno di scrivere/disegnare/FARE. E no, non mi basta “fare” nel mio piccolo. Ho proprio voglia di condividere questo passaggio con qualcuno, che io conosca fisicamente oppure no. Per cui siate carini e supportatemi. Un commento, un saluto: mi è utile, anche se sembra una richiesta un po’ patetica.
 
Resterà attivo wonderblema.spinder.com che userò per i resoconti dei concerti e basta, credo. Qui se cercate qualcosa di più Hip Hop rimarrete delusi – è proprio uno spazio personale.
 
Sono benaccetti consigli tecnici – chi mi conosce sa della mia totale NON-dimestichezza coi blog.
 
Da oggi si comincia!